Scrittori francesi


16/11/2017

Daniel Pennac
(Casablanca, 1º dicembre 1944)

"L'uomo costruisce case perché è vivo ma scrive libri perché si sa mortale. Vive in gruppo perché è gregario, ma legge perché si sa solo.
La lettura è per lui una compagnia che non prende il posto di nessun'altra, ma che nessun'altra potrebbe sostituire."
(Come un romanzo, 1992)

Daniel Pennac nasce il 1º dicembre 1944 a Casablanca, da una famiglia di militari di origini corse e provenzali.
Inizialmente pessimo allievo, soltanto negli ultimi anni del liceo ottiene buoni voti, grazie al suo insegnante che ne comprende la passione per la scrittura e, al posto dei temi tradizionali, gli chiede di scrivere un romanzo a puntate, con cadenza settimanale.
Ottiene la laurea in lettere all'Università di Nizza nel 1968, diventando insegnante e scrittore.
La sua produzione conta numerose opere, tra le quali racconti per bambini, pamphlet, romanzi burleschi, ma anche gialli e romanzi di fantascienza.

Marguerite Duras

(Saigon, 4 aprile 1914 – Parigi, 3 marzo 1996)

Scrittrice e regista francese, Marguerite Duras nasce in Indocina da coloni francesi.
Studia a Saigon, dove incontra il celebre fidanzato cinese, lo stesso che sarà il protagonista di uno dei suoi più celebri romanzi, "L'amante".
Trasferitasi a Parigi, comincia a lavorare come scrittrice per alcune case editrici.  
I suoi romanzi sono caratterizzati una scrittura particolarissima, piena di silenzi e di risonanze interiori.
La particolarità delle sue opere consiste nella completa distruzione della trama (procedimento di stampo avanguardistico) e nella rivelazione della vita interiore dei suoi personaggi.
Ha scritto 34 romanzi e diretto ben 16 film.

Charles Perrault

(Parigi, 12 gennaio 1628 – Parigi, 16 maggio 1703)

Charles Perrault nasce e cresce in una famiglia dell'alta borghesia francese, vicina alla Corte di Francia.
Membro dell'Académie française, nella sua vita è stato un uomo di governo e un brillante polemista, svolgendo un'intensa attività pubblica.
All'età di cinquantadue anni, nel 1680, pubblica a nome di suo figlio il volume "Racconti e storie del passato con una morale - I racconti di mamma l'oca".
Con questa raccolta nasce di fatto la fiaba moderna e Charles Perrault si afferma anche al di fuori dei circoli letterari e artistici.
Molte delle sue storie sono trascrizioni popolari, non senza però un tocco creativo e personale dell'autore.

Fred Vargas
(Parigi, 7 giugno 1957)

Frédérique Audouin-Rouzeau, scrittrice francese, è considerata una delle più importanti autrici del giallo contemporaneo.
Ricercatrice di archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche (CNRS), riesce a trovare un compromesso tra la passione per la scrittura e il suo lavoro.
Infatti, scriverà i suoi gialli durante le tre settimane di ferie, rivedendoli poi durante le vacanze di Natale e Pasqua con l’aiuto della sorella.
I suoi personaggi, atipici, logorati dalla vita, sono dipinti con cura, tanto fisicamente che psicologicamente.
La sua scrittura è caratterizzata dalla ricerca della precisione e della "sonorità" delle parole.

Katherine Pancol

(Casablanca, 1954)

Katherine Pancol inizia la sua carriera prima come insegnante di francese e latino, per dedicarsi successivamente al giornalismo.
Pubblica nel 2009 "Gli occhi gialli dei coccodrilli", il romanzo che la renderà famosa come scrittrice e che sarà riconosciuto come il sesto miglior libro venduto in Francia nel 2008 (Le Figaro Littéraire).
Nelle sue opere trapela un vivo interesse verso la psicologia umana, in particolare verso le figure delle donne, che nei suoi romanzi sono dipinte con accurate descrizioni, attenzione ai dettagli, mai senza un briciolo di umorismo e ironia.
Lo stile dei suoi romanzi si distingue per il carattere divertente, pieno di azione e veloce nel racconto.

Amélie Nothomb

(Kobe, 13 Agosto 1967)

Amélie Nothomb, scrittrice belga, trascorre l’infanzia e l’adolescenza tra Giappone, Cina, Stati Uniti e Bangladesh, a causa della carriera diplomatica del padre.
Nel 1992 viene pubblicato in Francia il suo primo romanzo, "Igiene dell’assassino", che diventa il caso letterario dell’anno. Da quel momento pubblica un libro all’anno, vendendo oltre 18 milioni di copie nel mondo.
Racconta spesso storie legate alla sua biografia, come il romanzo "Stupore e tremori", vincitore del Grand prix du roman de l'Académie Française nel 1999, nel quale racconta la sua esperienza lavorativa in una grande azienda giapponese, in cui viene declassata da traduttrice a guardiana dei bagni.
Le sue leggendarie manie e abitudini la rendono un'artista stravagante: veste sempre di nero, indossa bizzarri ed imponenti cappelli, ma è amata soprattutto per la sua intelligenza e il suo spirito acutissimi.


Di seguito alcuni audiolibri degli scrittori presenti a catalogo:

DANIEL PENNAC


Come un romanzo

Diario di scuola

MARGUERITE DURAS


L'amante

Occhi blu capelli neri

CHARLES PERRAULT


Cenerentola

Il gatto con gli stivali

FRED VARGAS


Chi è morto alzi la mano

Tempi glaciali

KATHERINE PANCOL


Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il Lunedì


AMELIE NOTHOMB


Stupore e tremori




_