Copertina Attentato al Papa

Descrizione

In questo libro, scritto con il giornalista SandroProvvisionato, Ferdinando posimato, il magistrato romano che ha seguito l’inchiesta sull'attentato a Giovanni Paolo II, va oltre le conclusioni ufficiali. Per raccontare – attraverso documenti inediti – come il Vaticano fosse infiltrato da spie della Srasi (il servizio segreto della Ddr) che ebbero un ruolo anche nei papati di Paolo VI e di papa Luciani; e come in molti, anche al di qua della cortina di ferro, abbiano lavorato per l’eliminazione del Papa più amato nella storia della Chiesa. Con la logica stringente del grande inquirente, Imposimato lega l’attentato al Papa alla vicenda del sequestro Emanuela Orlandi, la figlia di un impiegato del Vaticano, vittima innocente del disperato tentativo di occultare la pista bulgara. Poi, dopo trent’anni, lunedì 4 maggio 1998, ore 21.10 la clamorosa coda del caso: una suora – la cui identità sarà sempre tenuta segreta – entra all’interno dell’alloggio di servizio del nuovo comandante delle Guardie svizzere, l’esercito della Santa Sede, situato a Città del Vaticano. Lo spettacolo che le si presenta è terrificante: a terra, nel sangue, vi sono tre cadaveri; accanto a quello del comandante Alois Estermann, ci sono i corpi senza vita di sua moglie Gladys Meza Romero e del vice caporale Cédric Tornay. Tutti e tre sono stati uccisi a colpi di pistola. Alois Estermann, che era molto vicino a papa Giovanni Paolo II e conosceva bene anche Emanuela Orlandi, era stato fino al crollo del Muro una spia dei servizi segreti della Germania Est.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.