Copertina La trappola dell’austerity: perché l’ideologia del rigore blocca la ripresa

Descrizione

In quale mondo abitiamo? È un mondo divaricato e divergente, dove purtroppo gli europei stanno nella metà sbagliata. In America la Grande Contrazione è finita. In Europa la crisi si prolunga, perché così impongono le politiche sbagliate che vanno sotto il nome di austerity. Forte della sua superiorità economica, la Germania si è convinta anche della propria superiorità morale. La sua visione etica sulle virtù della parsimonia è diventata un lasciapassare per imporre al resto d’Europa ricette disastrose che prolungano la recessione. Sono gli errori che ha evitato l'America: divincolarsi dal pensiero unico neoliberista è il passaggio obbligato per iniziare a riparare l'enorme disastro sociale. Obama ha aggiornato la lezione di John Maynard Keynes, l'unico pensiero forte non-autoritario generato dagli anni Trenta: prima bisogna rilanciare la crescita, ad ogni costo. Lo sviluppo riparte solo se il potere d’acquisto viene diviso nei ceti più numerosi, classi lavoratrici e ceto medio, la cui coerenza è la prova di un fallimento storico. L'errore tragico dell’austerity sarà un fattore determinante nel bruciare un'intera generazione di giovani europei, le loro aspirazioni, le loro potenzialità.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.