Copertina Bolli, sempre bolli, fortissimamente bolli: la guerra infinita alla burocrazia

Descrizione

Una donna cieca dalla nascita riacquista la vista dopo un viaggio a Lourdes: chiede di rinunciare alla pensione d'invalidità ma lo Stato si "oppone" eroicamente al miracolo. Dove si è svolta una storia simile? In Italia naturalmente, Paese di "santi, poeti e complicatori" che perde il tempo dei suoi funzionari e il denaro dei contribuenti fra timbri e marche da bollo, interrogazioni parlamentari sulla mucca Clarabella, concessioni di vincoli paesaggistici per la coltivazione del pitosforo e leggi regionali ad personam per allevatori di cardellini. Se la Germania traina l'economia dell'intera eurozona, l'Italia ha un altro primato invidiabile: paga i suoi dirigenti dodici volte il reddito medio dei suoi cittadini (i colleghi tedeschi "solo" quattro volte). Ma per affrontare il nemico occorre conoscerlo e scendere negli inferi delle leggi inutili e delle pubbliche assurdità, come fa Gian Antonio Stella, nel suo nuovo libro, che traccia un allucinante e spietato itinerario alla scoperta della patologia endemica del Bel Paese, tra capziose ordinanze comunali e improbabili direttive dell'Unione europea. Per comprendere come la peggior giungla legislativa possa uccidere anche la più florida economia e lasciarci in cambio, come consolazione, momenti d'irresistibile, involontario umorismo.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.