Copertina Così ha inizio il male

Descrizione

Siamo nella Madrid degli anni Ottanta, una città in cui il ricordo della dittatura franchista è ancora dolorosamente vivo. Il giovane Juan de Vere, fresco di laurea, viene assunto da Eduardo Muriel per fargli da assistente. Muriel è un regista che vive in una grande casa nei quartieri alti della capitale insieme alla moglie, la giovane e bella Beatriz Noguera, e i figli. I due avrebbero tutto per essere felici, eppure Juan è colpito dalla freddezza e dallo sdegnoso contegno con cui il marito tratta la moglie. Perché si comporta cosí? Addirittura, una notte che passa nella casa dei Muriel, Juan assiste alla strana scena della sensuale Beatriz che, vestita unicamente con un'impalpabile sottoveste, implora il marito di fare l'amore con lei solo per esserne respinta e ricacciata nella sua stanza. Juan vorrebbe indagare i motivi di questo inspiegabile atteggiamento, ma Muriel ha altri piani in mente per lui: lo incarica infatti di verificare se le voci che ha sentito su un suo amico, il dottor Van Vechten, sono fondate. Una donna che Muriel non esita a definire l'amore della sua vita, gli ha fatto intendere che il dottore, durante gli anni della dittatura, si era comportato in modo indecente con una o piú donne, e che pertanto l'amicizia che Muriel gli tributava era mal riposta. Per il giovane Juan inizia cosí una discesa nelle tenebre degli anni della dittatura, e dell'ambiguità del matrimonio, che ha l'ineluttabile fatalità delle sabbie mobili.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.