Copertina La lotteria

Descrizione

Il racconto di Shirley Jackson intitolato La lotteria gode di una fama non dissimile dalla famigerata lettura radiofonica della Guerra dei Mondi di Orson Welles. Fama non immeritata: anche in quel caso la pubblicazione su rivista, nel 1949, aveva scatenato il pandemonio. Molti l'avevano preso alla lettera, reagendo all'istante e poi per lungo tempo con missive indignate o atterrite alla redazione. Certe cose non potevano, non dovevano succedere. Eppure la storia si presenta in tutta innocenza quale pura e semplice descrizione della lotteria che si svolge nell'atmosfera pastorale, quasi idilliaca, di un villaggio in un luminoso mattino di giugno – come ogni anno. Ma giunto al termine di questo racconto, come degli altri che compongono l'intensa silloge qui proposta, il lettore scoprirà da sé, in un crescendo di «brividi sommessi e progressivi» – come diceva Dorothy Parker, grande ammiratrice della Jackson –, che cosa li rende dei classici del terrore. Secondo un altro illustre ammiratore oltre che maestro del genere, Stephen King, lo sono perché «finiscono con una svolta che porta dritto in un vicolo buio».

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.