Copertina Il libro dei bambini

Descrizione

L'autrice di "Possessione" ha scritto con "Il libro dei bambini" un affresco appassionante, ricco di personaggi, intrecci, luoghi. Ambientato nell'Inghilterra del tardo periodo edoardiano, il libro ridà vita a un'intera epoca, insinuando nelle vicende dei suoi numerosi personaggi quelle tensioni che, nascoste sotto una superficie dorata, sarebbero esplose di lí a poco. Al centro del romanzo è Olivia Wellwood, scrittrice di libri per l'infanzia di successo ed esperta di leggende e folklore; intorno a lei si muovono molti altri personaggi: suo marito Humphrey, uomo affascinante e impenitente donnaiolo; i loro tre figli (Tom, che fuggito dall'ambiente brutale del collegio, vive in casa dedicandosi più alla caccia che allo studio; Olivia, che vuole fare il medico; Hedda, che intende battersi per i diritti delle donne); il cognato Basil, che lavora per la Bank of England e ha una moglie tedesca e due figli. C'è poi Benedict Fludd, un ceramista geniale ma dal pessimo carattere, che accoglie nella sua casa/laboratorio un giovane orfano in fuga dal lavoro in fabbrica, che Olivia ha deciso di prendere sotto la sua protezione. La vita di ognuno è seguita in ogni intimo dettaglio, soprattutto il destino dei ragazzi, costretti a scegliere tra i loro desideri e il "socialismo di porcellana" dei genitori. Le vicende si intrecciano con le storie delle fiabe scritte da Olivia, personalità realmente esistite e fatti storici si contaminano, come già in "Possessione", con il piano dell'invenzione narrativa. J. M. Barrie e il fabianesimo, le suffraggette e G. B. Shaw, la buona società londinese e la vita di campagna, il ruolo delle donne e il folklore germanico, il controllo delle nascite e la psicanalisi, il sesso e D. H. Lawrence: ogni particolare del romanzo contribuisce a creare un universo credibile e coerente e a sostenere una profonda riflessione sulla responsabilità e la libertà.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.