Copertina O Roma o morte

Descrizione

Arrigo Petacco ricostruisce il clima e le premesse del decennio turbolento che si concluse nel 1870 con "Roma capitale". Rivivono in questo libro, sfrondate dagli orpelli della retorica risorgimentale, le imprese dei briganti, che per cinque anni impegnarono la metà dell'intero esercito italiano; gli eroismi di tanti giovani legittimisti che, affascinati dall'intrepida Maria Sofia, ultima regina di Napoli, si immolarono per la difesa di un mondo destinato a scomparire. Nel racconto, intessuto di oscuri retroscena, assistiamo alle spedizioni fallimentari di Garibaldi in Aspromonte e a Mentana, ma anche all'inedito tentativo compiuto dal presidente Lincoln di affidare all'invitto, ma frustrato, generale il comando dell'esercito "nordista" impegnato nella guerra di secessione. Rivive, nella sua cruda realtà, anche la terza guerra d'indipendenza, che rivelò l'inadeguatezza della nostra orgogliosa casta militare, battuta a Custoza e naufragata a Lissa (con la sola eccezione della vittoria garibaldina di Bezzecca), che ci consentì di ottenere il Veneto "in limosina", grazie a un umiliante escamotage di Napoleone III. Pur essendogli debitrice della raggiunta unità, l'Italia non esitò ad approfittare della sua disgrazia (la sconfitta subita a Sedan nella guerra contro la Prussia) per impadronirsi di Roma, rimasta indifesa, e consentire così a Vittorio Emanuele II di esprimere, davanti al portone del Quirinale, la sua soddisfazione con una frase diventata storica: "Finalment ij suma!".

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.