Copertina dell'audiolibro L’età dell’oro

Descrizione

Dopo la Guerra di Secessione, si verificò in America un fenomeno di crescita economica improvvisa e sconvolgente. Un'era di speculazioni, grandi affari e febbrili spostamenti di capitali come mai prima d'allora. L'espressione "The Gilded Age" ("l'età dell'oro"), usata nei libri di storia per indicare quel periodo, deriva dal titolo di questo libro. La patina d'oro che politici e banchieri spalmarono su quella inaspettata bonanza divenne il simbolo di un inganno, di un'esagerazione che, in pochi anni, rovesciò gli Stati Uniti in un ciclone di incosciente e spaventosa eccitazione. E fu allora, sullo sfondo della giostra pirotecnica di dollari e nervi, che spuntarono due tra i migliori personaggi della mitologia twainiana: Silas Hawkins, capofamiglia che brama la sua parte nel bestiale viavai di verdoni, e il Colonnello Sellers, forse il più funambolico e irresistibile personaggio mai uscito dalla penna di Twain. In un frammento della sua Autobiografia, il padre di Huck Finn rivelò di aver fatto, per Escol Sellers, copia carbone dello zio materno, James Lampton: "Molti consideravano il Colonnello un'invenzione, un'opera di fantasia, un'impossibile stravaganza, e mi onoravano definendolo una 'creazione'; ma si sbagliavano. Lo misi su carta esattamente com'era; non era un tipo che si potesse esagerare

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.