Copertina dell'audiolibro Il grande saccheggio: l’eta del capitalismo distruttivo

Descrizione

«Dovrebbe apparire chiaro che non ci sarà ‘ripresa’ e che non è il caso di aspettarla. Godot non arriverà. Oggi dovrebbe apparire evidente una realtà elementare. Occorre travalicare i confini della cultura economica che ha generato la crisi, per comprendere che non si è verificato un semplice guasto. Non è una ammaccatura della carrozzeria. È il motore, il cuore della macchina, che è bloccato dalla ruggine e non ce la fa più.» Piero Bevilacqua non ha dubbi: la crisi esplosa nel 2008, e tuttora in corso, non è semplicemente il frutto di una speculazione finanziaria finita male per assenza di regole. È invece il segnale di ‘una crisi di sistema’ che si esprime in una gigantesca disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza e in una organizzazione della società che non corrisponde più alle potenzialità produttive del capitalismo del nostro tempo. Pensare di ‘uscire dalla crisi’ con la semplice regolamentazione dei mercati finanziari è un’illusione. Occorre riorganizzare interamente la società. L’immensa ricchezza che il capitale è oggi in grado di produrre, che potrebbe fornire benessere e libertà all’umanità intera, poggia su pilastri culturali e su un’architettura sociale ancora sostanzialmente ottocenteschi. I rapporti tra gli stati, gli orari di lavoro, i ritmi della vita quotidiana, l’organizzazione delle città, il nostro rapporto con la natura, tutto si regge ancora entro i vincoli e le culture della vecchia società industriale. In un’epoca d’inaudita prosperità in forma di merci – per lo meno nelle società occidentali, ma oggi ormai non solo – gli uomini e le donne sono costretti a inseguire un benessere che diventa un bene sempre più scarso.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.