Copertina Gli scrupoli di Maigret

Descrizione

Calma piatta al Quai des Orfèvres; sono i primi giorni di gennaio, del resto, e non può essere che così; la gente smaltisce i bagordi delle feste natalizie, pensa con malinconia alla routine che sta per ricominciare. Anche il commissario prova quel genere di malinconia. Tanto più che la signora Maigret non sta bene: i primi acciacchi, le piccole riparazioni obbligate – lo spettro della vecchiaia. È dunque un Maigret tetro e assente ad ascoltare lo sfogo di Xavier Marton, responsabile del reparto giocattoli ai Grands Magasins du Louvre. Un uomo comune, in apparenza, del tutto simile alle migliaia di commessi e impiegati che alle sei di sera si precipitano verso il métro. Ma Marton è convinto che la moglie cerchi di avvelenarlo. Imprevedibilmente, la donna si presenta a sua volta da Maigret. Ha classe da vendere, è bella, elegante, e inquieta: il marito soffre di depressione, di manie di persecuzione, e lei teme il peggio. Chi dei due è il folle| O si tratta forse di una coppia diabolica, visto che c’è in ballo un’assicurazione reversibile da dieci milioni di franchi| E che parte ha nella vicenda la sorella di lei, Jenny, il genere di donna che ogni uomo sogna di proteggere e amare| Addio calma piatta. Strana storia, comunque. Confusa e complicata. C’è un movente ma non ancora un delitto. E Maigret ha le mani legate. Tutte le inchieste che ha sin qui condotto gli paiono, d’improvviso, di una semplicità quasi puerile. Non si è mai sentito tanto insicuro. Ha davanti a sé un’inchiesta impossibile: non deve ricostruire un crimine, ma prevedere un comportamento. Forse, più che un commissario di polizia, occorrerebbe uno psichiatra.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.