Copertina I ricordi mi guardano

Descrizione

In questo libro Tranströmer (Premio Nobel per la Letteratura 2011) apre il suo scrigno dei ricordi per raccontare con grazia d'ispirazione e con la leggera spontaneità di una confessione intima le esperienze dell'infanzia che hanno un posto speciale nella sua memoria, nella sua formazione di uomo e di poeta. Otto brevi racconti immortalano episodi, immagini, piccole grandi avventure interiori nella quotidianità di un ragazzino curioso e di acuta sensibilità che vede nel mondo un incantato territorio da esplorare. Con lui riviviamo la scoperta mozzafiato del Museo Nazionale, "gigantesco, babilonico, inesauribile!", con i due scheletri di elefanti all'ingresso come imponenti custodi delle sue meraviglie. Con lui percorriamo la strada, ogni volta più lunga e piena di aspettative, per raggiungerlo, ma non quella del ritorno, che Tranströmer dice di non ricordare, come se da allora non avesse mai abbandonato quel regno magico del sapere. È la scienza, il mistero della natura, ad aprirgli il grande libro del mondo, quella che senza saperlo lo arricchisce già in tenera età di tante "esperienze della bellezza". "Scoprire, raccogliere, esaminare" è il metodo che lo ispira quando, munito di barattolo e retino, inizia a collezionare insetti, mentre "un altro museo, enorme", cresce dentro di lui. Se il suo desiderio infantile è di diventare ingegnere ferroviario, sono le romantiche locomotive a vapore ad affascinarlo più dei sistemi tecnologici, così come la sua iniziale passione per la storia e la geografia - più che la letteratura - lo porta e sognare la lontana Africa. E ancora il suo primo incontro con le differenze sociali attraverso i compagni di scuola, con le ideologie politiche estremizzate dalla Guerra Fredda, e con le biblioteche, tra cui rimane fedele a quella piccola di quartiere che confina con i bagni pubblici, perché vi giungono i vapori delle piscine, l'eco delle voci e della vita accanto: nelle altre l'aria è ferma, pesante, e i libri hanno un odore diverso.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.