Copertina La fragilità del male

Descrizione

Iniziò la sua opposizione attiva fin dai primi anni del regime nazista. Arrestato, diede la vita fino al martirio, e in prigione scrisse le riflessioni più potenti mai scritte sul male assoluto, sull'istupidimento del potere e sulla possibilità di "resistere" con o senza Dio. Questo libro raccoglie alcuni scritti e messaggi epistolari dal carcere, molti dei quali inediti per l'Italia. Gli ultimi giorni prima della condanna Dietrich annotò: "ogni ostentazione esteriore di potenza provoca l'istupidimento di una gran parte degli uomini. La stupidità è un nemico più pericoloso della malvagità. Il male porta sempre con sé il germe dell'autodissoluzione, perché nell'uomo lascia un senso di malessere. In questo senso è fragile e può essere vinto. Ma contro la stupidità non abbiamo difese".

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.