Copertina La figlia del reverendo

Descrizione

Dedmayne è un trascurabile villaggio delle conte e orientali dell'Inghilterra. Non ha una casa signorile né un parco né un giardino che gli dia prestigio. Non ha una vita sociale degna di questo nome. Non c'è gente altolocata, né le solite ricche bigotte che possano contribuire alle necessità della parrocchia. Il parroco, defunto, è rimasto a Dedmayne per cinquant'anni dandosi al bere. Il suo successore, il canonico Jocelyn, ha ormai ottantadue anni. È un vecchio accidioso e risentito che vive con la figlia Mary. Mary è nata nel villaggio e, come il padre, di rado ha lasciato il circondario. Accudisce la sorella Ruth, afflitta da ritardo mentale. Da giovane Mary si lamentava spesso dell'isolamento. Tuttavia, si è lentamente affezionata a Dedmayne al punto da sostenere che più il paese è isolato, più acquista un gusto peculiare, non contaminato da quello cittadino. “Ci sgretoliamo anno dopo anno” ama dire a un'amica “e tutto rimane uguale a se stesso”. Il destino, però, come si sa, riserva sempre delle sorprese. Un giorno Robert Herbert, figlio di un vecchio amico del padre, si trasferisce nelle vicinanze. E lentamente, senza che né l'uno né l'altra riescano a prevederlo, tra i due sboccia l'amore. La tranquillità di Mary è messa a dura prova. Tutti gli anni trascorsi a soffocare le emozioni riemergono con forza in un'attrazione mai provata prima. Una passione talmente intensa da non poterne neppure parlare, né tantomeno controllare le fantasie più beate. Così, quando Robert tornerà da un soggiorno fuoriporta, Mary si aspetterà una proposta di matrimonio... Pubblicato per la prima volta nel 1924, “La figlia del prete” è un'intensa esplorazione del rapporto tra padre e figlia e una seducente storia d'amore. La scrittura elegante di Flora Macdonald Mayor sa catturare il cuore e ritrarre i costumi di un'epoca attraverso luci e ombre dell'animo umano. Una prova letteraria superba sulla scia di Jane Austen.

Ascolta

Per poter ascoltare questo audiolibro devi essere registrato. Accedi o registrati.