Fedor Dostoevskij: vita, stile, opere & Audiolibri

Considerato una delle figure più rappresentative della letteratura russa, Fedor Dostoevskij è stato un grande e celebre scrittore e filosofo russo.

Le sue opere, tra cui si annoverano prevalentemente romanzi e racconti, sono diventate famose in tutto il mondo, rappresentando delle pietre miliari della letteratura ottocentesca.

Tra le più importanti e diffuse tra il pubblico si ricordano “Delitto e castigo” e “I fratelli Karamazov”.

Lo scrittore fedor dostoevskij in un ritratto ad olio

La vita di Fedor Dostoevskij

Fedor Dostoevskij nacque nel 1821 a Mosca, secondogenito di sette fratelli, in una famiglia benestante. Il padre era infatti un medico e la madre era figlia di ricchi commercianti russi. La famiglia divenne talmente ricca da rientrare nell’albo d’oro della nobiltà moscovita.

Nel 1834, dopo essersi trasferiti a Darovoe nel governatorato di Tula, Fedor alloggia presso il convitto privato di L.I. Čermak a Mosca insieme con il fratello.

Tre anni dopo, in seguito alla morte della madre a causa della tisi, i due fratelli si trasferiscono al convitto preparatorio del capitano K.F. Kostomarov in vista degli esami di ammissione all’istituto di ingegneria.

Già in questo periodo l’interesse di Dostoevskij è incline alla letteratura, tuttavia prosegue i suoi studi di ingegneria militare presso la Scuola Superiore del genio militare di San Pietroburgo, dopo esservi stato ammesso nel 1838.

Il 1839 fu un anno drammatico per lo scrittore: il padre venne assassinato, probabilmente dai propri contadini che lui stesso maltrattava dopo essersi ubriacato, e questo evento scatenò la prima crisi epilettica nel giovane Dostoevskij, allora diciassettenne. Da questo momento l’epilessia lo accompagnò per tutta la vita.

Tra il 1841 e il 1842 venne ammesso al corso per ufficiali e poi nominato sottotenente. Ebbe inizio così il suo servizio nei corpi militari presso San Pietroburgo. Tuttavia la sua carriera militare ebbe vita breve: nel 1844, solamente un anno dopo essersi diplomato, rassegnò infatti le proprie dimissioni.

Trovatosi senza lavoro e quindi in una situazione di povertà, a cui vanno aggiunte le fragili condizioni di salute, Fedor ebbe finalmente modo di dedicarsi alla letteratura, anche come un vero e proprio impiego.

Iniziò così la stesura del suo primo libroPovera gente”, che terminò nel 1846 e che ottenne il consenso dei critici. A questo romanzo seguirono poi “Il sosia” e alcuni romanzi brevi e racconti pubblicati su diverse riviste.

Negli anni successivi partecipò come uditore alle riunioni di società segrete, che avevano fini sovversivi contro il potere dell’epoca. Pur non essendo stato un attivista di questi gruppi, nel 1849 venne arrestato ed imprigionato nella fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo.

Inizialmente fu condannato alla pena di morte tramite fucilazione, ma successivamente lo zar Nicola I tramutò tale decisione in condanna ai lavori forzati a tempo indeterminato. Ciò determinò una riacutizzazione dell’epilessia, causando numerose e frequenti crisi. Questi avvenimenti saranno successivamente spunto di riflessione per lo scrittore, che esporrà il proprio disaccordo riguardo la pena capitale nei romanzi “Delitto e castigo” e “L’idiota”.

Venne rinchiuso nella fortezza di Omsk nel 1850. La permanenza nella prigione segnerà profondamente Fedor e lo porterà a scrivere una delle sue opere più scioccanti: “Memorie dalla casa dei morti”.

Il 1854 segnò l’anno della liberazione di Dostoevskij per buona condotta, ma dovette scontare gli ultimi due anni di pena prestando servizio nell’esercito siberiano. Fu un periodo di allontanamento dalla scrittura, in quanto gli venne imposto il divieto di qualsiasi pubblicazione.

Nel 1857 sposò Marija Isaeva, vedova e già madre di un figlio.

Nel 1859 venne congedato dall’esercito e poté fare ritorno in Russia, sebbene non gli fosse ancora consentito l’ingresso a San Pietroburgo.

Con il fratello fondò la rivista “Il tempo” in cui, oltre a sostenere l’ideologia russa conservazionista, pubblicò anche alcune delle sue opere.

Successivamente, nel 1864, uscì la rivista Epocha, sempre diretta dai due fratelli. Tuttavia questo anno rappresentò per lo scrittore un periodo buio, sia affettivamente che economicamente. A pochi mesi di distanza dovette affrontare la morte prima della moglie e poi del fratello. Quest’ultimo inoltre gli lasciò ingenti debiti, a cui cercò di rimediare con il gioco d’azzardo durante un viaggio in Europa. Non fu una scelta fruttuosa per lo scrittore, poiché aggravò ulteriormente le sue misere condizioni economiche.

A partire dal 1866 pubblicò a puntate il romanzo “Delitto e castigo”.

In quegli anni conobbe la stenografa Anna Grigor’evna Snitkina, grazie alla quale riuscì a pubblicare alcune delle sue opere, e nel 1867 i due si sposarono.

Nel 1868, dopo che la coppia ebbe intrapreso un viaggio a Firenze, nacque la loro prima figlia Sonja, che purtroppo morì tre mesi dopo. La morte precoce dei bambini sarà infatti uno dei temi cardine del romanzo “L’idiota”, che lo scrittore stava elaborando proprio in quegli anni.

Nel 1869 nacque la seconda figlia Ljubov’, il cui nome in russo ha il significato di “amore”, e due anni dopo il terzo figlio Fëdor.

Dopo aver smesso con il gioco d’azzardo e con il guadagno delle sue pubblicazioni, Dostoevskij fece ritorno a San Pietroburgo, avendo finalmente la possibilità di saldare i propri debiti.

Tornato in Russia divenne direttore della rivista conservatrice “Il cittadino”, in cui pubblicò una serie di articoli di attualità raccolti sotto il nome di “Diario di uno scrittore”.

Nel 1878 Dostoevskij dovette affrontare un ennesimo lutto: Aleksej, il quarto figlio nato soli tre anni prima, morì di epilessia, ereditata dal padre.

Nel 1878 venne eletto membro dell’Accademia delle Scienze di Russia per la sezione lingua e letteratura e l’anno seguente venne invitato al Congresso letterario internazionale a Londra. Inoltre venne anche eletto membro del Comitato d’onore.

Nello stesso anno però gli venne diagnosticato un enfisema polmonare.

Dal 1879 diede inizio alla pubblicazione de “I fratelli Karamazov” su una rivista. L’opera riscosse un successo inaudito tra il pubblico. Il romanzo avrebbe dovuto avere un seguito, tuttavia le condizioni di salute dello scrittore peggiorarono così tanto e così velocemente da impedirgli la scrittura di ulteriori opere.

L’enfisema polmonare, diagnosticatogli pochi anni prima, si aggravò e gli causò la morte nel 1881 a San Pietroburgo.

Il suo appartamento a San Pietroburgo è oggi diventato un museo a lui dedicato e gli è stato intitolato il cratere Dostoevskij sulla superficie di Mercurio.

Lo stile di Fedor Dostoevskij

Essendo anche un filosofo, l’attenzione di Fedor Dostoevskij si concentra maggiormente sull’aspetto morale dei personaggi, sulla loro ideologia e sui loro dialoghi.

Anche le descrizioni, sia degli ambienti sia dei protagonisti delle sue opere, vengono raramente inserite come forma di descrizione vera e propria ma all’interno delle stesse riflessioni e degli stessi pensieri dei personaggi.

In questo modo il lettore viene coinvolto maggiormente nella narrazione e inoltre è un lettore onnisciente, consapevole sia degli avvenimenti sia dell’interiorità e della psiche dei protagonisti dell’opera.

Il linguaggio utilizzato risulta spezzato, quasi come ad essere uno specchio dell’interiorità psichica che è di per sé mutevole e frammentaria.

Lo stesso Fedor Dostoevskij mostra questa mutevolezza, e allo stesso tempo contradditorietà, nel suo pensiero, modificando nel corso del tempo la propria posizione riguardo a certe tematiche.

Le opere di Fedor Dostoevskij

Le opere Fedor Dostoevskij comprendono principalmente romanzi e racconti, che potrete trovare nel nostro catalogo in formato audiolibro.

Tra i titoli italiani più conosciuti si ricordano i seguenti romanzi:

  • Povera gente
  • Il sosia
  • Netočka Nesvanova
  • Il villaggio di Stepančikovo e i suoi abitanti
  • Il sogno dello zio
  • Memorie dalla casa dei morti
  • Umiliati e offesi
  • Memorie dal sottosuolo
  • Il giocatore
  • Delitto e castigo
  • L’idiota
  • L’eterno marito
  • I demoni
  • L’adolescente
  • I fratelli Karamazov

Tra i racconti si trovano invece i seguenti titoli:

  • Il signor Procharčin
  • La padrona
  • Polzunkov
  • Un cuore debole
  • La moglie altrui e il marito sotto il letto
  • Il ladro onesto
  • L’albero di Natale e il matrimonio
  • Le notti bianche
  • Un piccolo eroe
  • Una brutta storia
  • Note invernali su impressioni estive
  • Il coccodrillo
  • Bobok
  • Il bambino “con la manina”. Il bambino sull’albero di Natale da Gesù
  • Il contadino Marej
  • La mite
  • Il sogno di un uomo ridicolo
  • Vlas
  • Piccoli quadretti

Film ispirati alle opere Fedor Dostoevskij

I romanzi di Fedor Dostoevskij furono fonte di ispirazione per molti registi e vennero realizzate sia trasposizioni cinematografiche che serie/miniserie televisive. Queste furono numerose soprattutto nel ‘900, ma sono stati realizzati film anche più recentemente. Inoltre anche la vita dello scrittore ha trovato la trasmissione sul grande e piccolo schermo.

Di seguito potete trovare una filmografia parziale, che contiene le trasposizioni di maggior successo.

  • Ho ucciso! – film statunitense del 1935
  • I fratelli Karamazoff – film italiano del 1947
  • Il grande peccatore (The Great Sinner) – film biografico statunitense del 1949
  • L’idiota (Hakuchi) – film giapponese del 1951
  • Le notti bianche – film italiano del 1957
  • Karamazov (The Brothers Karamazov) – film statunitense del 1958
  • I fratelli Karamazov – miniserie TV italiana del 1969
  • I fratelli Karamazov (Bratja Karamazovy) – film russo del 1969
  • Quattro notti di un sognatore (Quatre nuits d’un rêveur) – film francese del 1971
  • 40.000 dollari per non morire (The Gambler) – film statunitense del 1974.
  • Saawariya – La voce del destino – film indiano del 2007
  • The Double – film inglese del 2013
  • Irrational Man – film statunitense del 2015
  • I Demoni di San Pietroburgo – film biografico italiano del 2007

Gli audiolibri di Fedor Dostoevskij

Povera gente

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Michajlovic

Il sogno di un uomo ridicolo

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

I Demoni

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

L’eterno marito

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

I fratelli Karamazov

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

L’idiota

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

Memorie dal sottosuolo

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

La mite

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

Delitto e castigo

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic

Le notti bianche ed altri racconti

DOSTOEVSKIJ, Fëdor Mihajlovic